venerdì 6 febbraio 2015

Report del presidio al mattatoio di Roma

[Fonte: pagina facebook di NoMattatoio]




Il 31 gennaio 2105 - in coincidenza con il Meat Abolition Day -  si è svolto il secondo presidio davanti al mattatoio di Roma in Viale Palmiro Togliatti.
Nonostante il freddo, vento e pioggia si sono riuniti nel piazzale antistante la struttura più o meno duecento attivisti, aggiungendovi una partecipazione pacifica e molto sentita allo stesso tempo. Sono state fatte delle letture e commenti a stralci di un’intervista - letta sul posto -  a una persona che ha lavorato in incognito dentro un macello: per meglio far capire l’alienazione insita in determinati mansioni e mestieri che vengono considerati “normali e necessari” e per meglio mettere in correlazione pratiche di violenza sui corpi con altre ancora più invisibili all’interno della nostra società. 

Parte del presidio si è svolto inoltre lungo la via di scorrimento delle auto così da attirare l’attenzione dei passanti sulle immagini raffigurate nei cartelli e striscioni sorretti  dagli attivisti: immagini che mostrano la realtà di quanto avviene dentro ai mattatoi, quindi di animali che stanno per essere uccisi; immagini dei loro occhi, dei loro sguardi, delle loro bocche distorte in un ghigno di terrore e dolore, alternate ad altre che invece li raffigurano liberi e felici in natura, così da rendere evidente il contrastro tra ciò che gli spetterebbe di diritto – vivere in pace la loro esistenza – e ciò cui invece la società e cultura in senso ampio del dominio li costringe a subire.
Animali protagonisti dunque e per questo il presidio – che è parte di una campagna ben più ampia che va sotto il nome di Nomattatoio (con relativa pagina FB e presto anche un sito ufficiale) non è sponsorizzato da nessuna associazione, ma organizzato e portato avanti da singoli attivisti.

Lo scopo di questi presidi che vedranno una cadenza mensile (il prossimo è previsto per il 28 febbraio, data da confermare) è quello di arrivare a una partecipazione sempre più massiccia - sperandando che altre città si uniscano a noi - così da destare l’attenzione dei media e avviare un serio dibattito pubblico sulla legittimità o meno del consumo di carne; diremmo dello sfruttamento degli animali in generale: ma ovviamente, essendo il numero di animali uccisi per fini alimentari il più alto in assoluto ed essendo tale pratica condivisa all’unanimità dalla nostra società e considerata erroneamente “normale, naturale, necessaria”, pensiamo che rappresenti un po’ il fulcro della questione, anche simbolicamente. Crediamo che i tempi siano maturi per portare le persone a riflettere su determinate pratiche che nascondono violenza e soprusi su individui senzienti. Crediamo altresì che se davvero c’è bisogno di occultare i mattatoi e ciò che avviene al loro interno sia indice del fatto che la società tutta ha un problema, un problema che non riguarda solo gli attivisti animalisti, ma ognuno di noi. Gli operatori dei macelli svolgono un lavoro alienante affinché le persone comuni abbiano la loro fettina di carne nel piatto e quindi è indubbio che vi sia una corresponsabilità condivisa.

Per questo torneremo ancora lì, davanti a questi luoghi tragici, per responsabilizzarci tutti quanti e sensibilizzare chi ancora non ha mai riflettuto sulla questione animale. Con la speranza che guardare un animale negli occhi non ci procuri più vergogna, ma sentimento di reciproco rispetto.

(Rita Ciatti e Eloise Cotronei)
 








giovedì 5 febbraio 2015

La Settimana Mondiale per l'Abolizione della Carne - com'è andata in Italia


La Settimana Mondiale per l'Abolizione della Carne (23-31 gennaio) e la Giornata Mondiale (31 gennaio), fra gli appuntamenti in vari paesi del mondo, hanno visto svolgersi alcuni importanti manifestazioni in Italia, partecipate e incoraggianti.
70 persone a Milano, decine di persone nelle altre città, hanno manifestato a favore dei miliardi di senza nome uccisi quotidianamente per l'alimentazione umana.
Attivist* e gruppi hanno manifestato nelle piazze ma anche davanti ai mattatoi delle proprie città, per testimoniare il proprio rifiuto della strage quotidiana ai danni degli animali da parte dell'industria alimentare e chiedere l'abolizione di ogni allevamento e ogni macello
Di seguito trovate i link alle singole iniziative.
Qui alcune foto degli eventi svolti in Italia:

Ricordiamo inoltre il presidio al mattatoio di Perugia si svolgerà il 7 marzo:
-PERUGIA (Umbertide), venerdì 6 marzo, presidio al mattatoio di Umbertide, via Madonna del Moro, dalle ore 9 alle ore 13
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/perugia-italia-07-03-2015

Per le iniziative all'estero e i report degli eventi: www.meat-abolition.org/it/ (in aggiornamento)

-ROMA, sabato 31 gennaio, presidio al Mattatoio di Roma, via Palmiro Togliatti, dalle ore 10 alle ore 14
per informazioni http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/roma-italia-31-01-2015
(il presidio davanti al mattatoio si svolge con cadenza mensile)

-PORDENONE (Cordenons), domenica 1 febbraio, presidio al mattatoio di Cordenons, piazza della Vittoria, dalle ore 10, veglia silenziosa
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/cordenons-pn-italia-01-02-2015

-MODENA (Formigine), sabato 31 gennaio, presidio al mattatoio di Formigine, via Mazzacavallo 47, ore 10
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/modena-italia-31-01-2015

-MODENA, domenica 1 febbraio, presidio
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/modena-italia-01-02-2015 

-BOLOGNA, dal 30 gennaio, iniziative varie
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/en/annonces_actions/bologna-italy-30-01-2015
-MILANO, sabato 31 gennaio, presidio scenografico in piazza S. Carlo (piazza S. Babila), dalle ore 14.30
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/milano-italia-31-01-2015
-TORINO, domenica 1 febbraio, performance nelle vie del centro
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/en/annonces_actions/turin-itay-01-02-2015

-VICENZA, sabato 31 gennaio, volantinaggio e presidio con video sui macelli
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/vicenza-italia-31-01-2015

-UDINE, sabato 31 gennaio, ore 18.30, conferenza di Rodrigo Codermatz
per informazioni: https://www.facebook.com/events/410369142450885/  

martedì 20 gennaio 2015

Manifestazioni in Italia nella Settimana Mondiale per l'Abolizione della Carne: la protesta arriva davanti ai mattatoi

La Settimana Mondiale per l'Abolizione della Carne (23-31 gennaio) e la Giornata Mondiale (31 gennaio), fra gli appuntamenti in vari paesi del mondo, prevedono alcuni importanti manifestazioni in Italia.

Attivist* e gruppi manifesteranno nello stesso week-end davanti ai mattatoi delle proprie città, per testimoniare il proprio rifiuto della strage quotidiana ai danni degli animali da parte dell'industria alimentare e chiedere l'abolizione di ogni allevamento e ogni macello. Negli stessi giorni, nelle vie centrali di altre città sono previsti presidi scenografici per l'abolizione della carne che porteranno in piazza il dissenso verso l'uccisione degli animali a scopo alimentare.

Partecipate numerosi!
Di seguito la lista delle iniziative in Italia. Per le altre iniziative e per le iniziative all'estero: www.meat-abolition.org/it/ (in aggiornamento)
Se volete segnalare un'iniziativa nella vostra città: http://www.meat-abolition.org/en/node/add/announcement

-ROMA, sabato 31 gennaio, presidio al Mattatoio di Roma, via Palmiro Togliatti, dalle ore 10 alle ore 14
per informazioni http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/roma-italia-31-01-2015
(il presidio davanti al mattatoio si svolge con cadenza mensile)

-PERUGIA (Umbertide), venerdì 6 marzo, presidio al mattatoio di Umbertide, via Madonna del Moro, dalle ore 9 alle ore 13
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/perugia-italia-07-03-2015

-PORDENONE (Cordenons), domenica 1 febbraio, presidio al mattatoio di Cordenons, piazza della Vittoria, dalle ore 10, veglia silenziosa
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/cordenons-pn-italia-01-02-2015

-MODENA (Formigine), sabato 31 gennaio, presidio al mattatoio di Formigine, via Mazzacavallo 47, ore 10
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/modena-italia-31-01-2015

-MODENA, domenica 1 febbraio, presidio
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/modena-italia-01-02-2015 

-BOLOGNA, dal 30 gennaio, iniziative varie
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/en/annonces_actions/bologna-italy-30-01-2015

-MILANO, sabato 31 gennaio, presidio scenografico in piazza S. Carlo (piazza S. Babila), dalle ore 14.30
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/milano-italia-31-01-2015

-TORINO, domenica 1 febbraio, performance nelle vie del centro
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/en/annonces_actions/turin-itay-01-02-2015

-VICENZA, sabato 31 gennaio, volantinaggio e presidio con video sui macelli
per informazioni: http://www.meat-abolition.org/it/annonces_actions/vicenza-italia-31-01-2015

-UDINE, sabato 31 gennaio, ore 18.30, conferenza di Rodrigo Codermatz
per informazioni: https://www.facebook.com/events/410369142450885/  

giovedì 1 gennaio 2015

Risoluzione per l'abolizione della carne

Poiché la produzione di carne implica l'uccisione degli animali che vengono mangiati,

poiché le condizioni di vita e la macellazione causano loro sofferenza,

poiché il consumo di prodotti animali non è una necessario,

poiché gli esseri senzienti non devono essere maltrattati o uccisi senza necessità,

per questo, l'allevamento, la pesca e la caccia, così come la vendita ed il consumo di prodotti animali, devono essere aboliti.

 

martedì 23 dicembre 2014

24-31 gennaio 2015: Giornata Mondiale per l’Abolizione della Carne



Giornata Mondiale per l’Abolizione della Carne: 31 gennaio 2015

e

Settimana Mondiale per l’Abolizione della Carne: dal 24 al 31 gennaio 2015


Le Settimane Mondiali per l’Abolizione della Carne hanno avuto un grande successo; si svolgono ogni anno nell’ultima settimana di gennaio, maggio e settembre. La prossima si terrà dal 24 al 31 gennaio 2015 e comprenderà la Giornata Mondiale per l’Abolizione della Carne (31 gennaio).

Vari eventi sono stati organizzati in oltre 100 città di vari stati fra cui: Bahamas, Belgio, Bolivia, Brasile, Francia, Germania, Giappone, Grecia, India, Inghilterra, Irlanda, Israele, Italia, Nuova Zelanda, Olanda, Perù, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Sudafrica, Svizzera, Turchia e USA.
Ringraziamo tutte le persone e i gruppi animalisti che hanno gridato per la causa degli animali oppressi e hanno espresso l’idea che le nostre società  debbano bandire l’uccisione di animali per la carne!
Per noi è davvero importante sapere che nello stesso giorno persone da ogni parte del mondo si mobilitano per lo stesso obiettivo politico: mettere fine a questa strage!

Il numero di eventi continuerà a crescere, come continuerà a crescere la nostra determinazione, la nostra immaginazione e la nostra visibilità.

Ora più che mai dobbiamo continuare a esprimere pubblicamente la necessità di abolire la carne, aumentando il numero di eventi locali, nazionali e internazionali..

Partecipa alla prossima Settimana Mondiale per l’Abolizione della Carne dal 24 al 31 gennaio 2015!
Per l’abolizione di allevamenti, caccia e pesca!

Se il tuo gruppo o associazione decide di sostenere la rivendicazione di abolizione della carne, inviaci il logo e l’indirizzo del sito web da aggiungere alla lista pubblicata sul sito

Poiché la produzione di carne implica l'uccisione degli animali che vengono mangiati,
poiché molti di loro soffrono a causa delle condizioni in cui vivono e in cui vengono messi a morte,
poiché il consumo di carne non è una necessità,
poiché gli esseri senzienti non devono essere maltrattati o uccisi senza necessità,
l'allevamento, la pesca e la caccia di animali per la loro carne, così come la vendita e il consumo di carne animale, devono essere aboliti.


A presto!


lo staff di meat-abolition.org

Segnala un evento
Sostieni meat-abolition.org
Inserisci il link di meat-abolition.org sul tuo sito
Condividi risorse
Volontari: La rivendicazione di abolizione della carne ha bisogno del tuo sostegno
Cosa sono le SMAC?
Frequently Asked Questions
Gruppi che sostengono la rivendicazione


Prossime SMAC:
24/01/2015 - 31/01/2015
Giornata Mondiale per l’Abolizione della Carne: 31/01/2015
23/05/2015 - 30/05/2015
19/09/2015 - 26/09/2015

lunedì 25 agosto 2014

Settimana mondiale per l'Abolizione della Carne - 20-28 settembre 2014




Settimana mondiale per l’Abolizione della Carne (SMAC):
20-28 settembre 2014

L’interesse per gli animali cresce ogni giorno in tutti i paesi del mondo.
Eppure, non sono mai stati uccisi così tanti esseri senzienti per produrre cibo.
Stiamo svuotando i mari e monopolizzando la gran parte delle terre emerse.
Imponiamo continuamente sofferenze indi

cibili agli animali di questo pianeta.

Al tempo stesso, un numero sempre maggiore di umani rifiuta di collaborare con questa gigantesca macchina di morte.
Poiché sono in gioco centinaia di miliardi di vite, dobbiamo tuttavia fare qualcosa di più che rifiutarci di collaborare:
dobbiamo rifiutare questa mattanza incessante e reclamare la fine di questo massacro, dobbiamo chiedere ad alta voce l’abolizione.

Chiediamo l’abolizione della produzione e del consumo di carne animale in tutto il mondo!
Chiediamo il bando dei prodotti della caccia, della pesca e dell’allevamento, poiché implicano lo sfruttamento, la sofferenza e la morte di esseri senzienti.

Organizziamo azioni in ogni luogo
Dal 20 al 28 settembre 2014
In occasione della Settimana mondiale per l’Abolizione della Carne!

Vi chiediamo di organizzare e pubblicizzare qui ogni azione che riteniate utile a rendere più vicino il giorno in cui nessun animale verrà ucciso inutilmente per farne cibo.



Poiché la produzione di carne implica l'uccisione degli animali che vengono mangiati,
poiché le condizioni di vita e la macellazione causano loro sofferenza,
poiché il consumo di prodotti animali non è una necessario,
poiché gli esseri senzienti non devono essere maltrattati o uccisi senza necessità,
per questo, l’allevamento, la pesca e la caccia, così come la vendita ed il consumo di prodotti animali, devono essere aboliti.
Grazie per gli animali,